Sicurezza alimentare

C’è vino e vino!

I tannini Tan’Activ®, impiegati in enologia, possiedono le seguenti caratteristiche:

  • Origine botanica riconosciuta e ammessa
  • Contenuto di metalli pesanti secondo gli standard del Codex Oenologique International
  • Tracce o assenza di micotossine
  • Tracce o assenza di solventi residui
  • Aspetto, contenuto tannico e % di ceneri in accordo con le principali legislazioni cogenti in materia di purezza e utilizzo del tannino

La maggior parte dei tannini per uso enologico sono considerati coadiuvanti tecnologici secondo il Codex Oenologique International e sottostanno ai seguenti regolamenti europei:

  • Regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2008 relativo agli additivi alimentari
  • Regolamento (CE) n. 606/2009 della Commissione del 10 luglio 2009 recante alcune modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 479/2008 del Consiglio per quanto riguarda le categorie di prodotti vitivinicoli, le pratiche enologiche e le relative restrizioni
  • Regolamento (CE) n. 1493/1999 del 17 maggio 1999 del Consiglio relativo all’organizzazione comune del mercato vitivinicolo

Inoltre, generalmente per impieghi in ambito alimentare a livello mondiale, occorre tenere conto anche del Codex Alimentarius, un insieme di regole e di normative elaborate dalla Codex Alimentarius Commission, una Commissione (suddivisa in numerosi comitati) istituita nel 1963 dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO) e dall’organizzazione mondiale della sanità (WHO) con lo scopo di proteggere la salute dei consumatori e assicurare la correttezza degli scambi internazionali.